Tu sei qui:Poesia>>Marisa Battoglia

Marisa Battoglia
Dimensioni carattere:

Note biografiche

Marisa Battoglia è nata a Parma nel 1940, e vi risiede tuttora. Laureata in Materie Letterarie e Latino, ha insegnato a lungo nei Licei Classici e Scientifici. Negli ultimi anni ha dato concretezza alla passione per la poesia che l’ha accompagnata per tutta l’esistenza, scrivendo intense poesie e partecipando attivamente alla vita culturale della sua regione e, quando possibile, dell’Italia intera. Tale assiduità ha dato frutti eccellenti, con l’inserimento di sue opere in prestigiose raccolte poetiche, con la conquista di premi in concorsi nazionali ed internazionali, e con ottime recensioni critiche.

 

Note critiche

Probabilmente stimolata dalle lunghe ed assidue letture, sia per passione che per professione, la poetessa ha sentito l’urgenza di tradurre in immagini il difficile itinerario poetico di scavo nella coscienza, portando alla luce, attraverso la parola, la “musica” dell’animo, nelle diverse circostanze emozionali e riflessive. La sua esperienza poetica è collegata ad un sentimento del Bello del vivere, che conduce ad una visione ottimistica dell’esistenza, nonostante eventi malinconici e negativi che hanno talvolta offuscato ed interrotto questa positiva ottica esistenziale. Luce dell’anima, che si trasmette ai versi e vi infonde una luminosità pura e serena.

 

Letture

 

 

Polvere di stelle

 

Polvere di stelle e Fuochi di artificio
Fiori incandescenti, fontane luminose
improvvisamente innalzati dall’acqua.
Prodigio dell’uomo,
di Mente creante
pensante motivante.
Volontà di benessere
tra cielo terra e mare...
Gli occhi si riempiono di stelle...

 

 

Il rovere

 

Alto superbo
svetta al cielo.
Sfronda il tempo.
Naviga vorticoso il vento
per placarsi
sul cuore di tronco
che si erge
e batte d’amore.
Un viluppo di foglie
nell’abbraccio di rami...
Smeraldo lucente
in un sorriso dell’anima
grato
al Bello Vivente...

 

La possente presenza del vecchio rovere ispira una poesia che sa eludere la tentazione descrittiva per immettersi nelle sfere dell’emozione e del sentimento. L’albero pulsa di linfa vitale, ha un’anima che palpita di sentimenti d’amore per la natura e rappresenta l’armonia e la forza dell’esistere: queste sono le intuizioni che la sua visione desta nella poetessa, e che ella sa esprimere con proprietà e con una sensibilità inusuale per tutto ciò che appartiene al mondo naturale. (da “Antologia Via Francigena 2008”)

 

 

Infinitesima parte

 

Infinitesima parte
di un universo circolare
“Sassolino” che cade
in un lago profondo
sullo sfondo
di abeti
verde cupo,
in una notte lunare.
Nell’immergersi
l’infrangersi
di cerchi,
al tocco dell’acqua,
circoscritti
concentrici
sempre più vasti.
Così è l’uomo:
riflesso che irradia,
non artista
di vita!

 

Un paragone decisamente insolito: l’uomo è come un sassolino gettato nell’acqua, i cui cerchi si allargano a dismisura, mentre la vegetazione che circonda lo stagno sembra fare ala al suo espandersi. L’uomo, in effetti, è visto come centro irradiante di un Universo che ruota intorno a lui, una centralità artistica e spirituale, cui la poetessa rende omaggio nei brevi, concisi versi finali. I versi sono secchi, corti ed essenziali, mentre le parole suonano più dolci, segno della partecipazione dell’autrice ad una riflessione che l’ha emotivamente coinvolta. (da: “Antologia Città di Salò 2008”)

 

 

Illusoria vittoria

 

Lacrime e sangue la guerra
Illusoria conquista è la vittoria
Livido grido il dolore di madre
Livido grido il dolore di figlio
Umanità orfana di bene
Raggio di sole la vita:
si estingue in notte inesorabile
Magico dono si frange
nel disegno di ineguale
forza di bene
Raggio di luna
in una notte di stelle
la gloria
Miraggio sfuggente
Umanità dispersa
langue
nel non Amore

 

 

Cielo capovolto

 

Un campo di lucciole
vestite di luce
nel buio notturno
Alternato pigolio
dell’essere.
Favilla degli occhi,
al ricordo fanciullo!
Un cielo capovolto
quel prato, ove
stelle le lucciole
e cielo il buio profondo.
Speranza notturna
che cede al giorno,
per ripercorrere
breve spazio
di vita!